venerdì 21 dicembre 2007

Gli Accordi di Schengen

Gli stati che aderiscono agli accordi di Schengen, fonte: Wikipedia
Lo spazio Schengen, Wikipedia

Il 21 dicembre 2007 sono entrati in vigore gli Accordi di Schengen anche per nove dei dieci paesi che hanno fatto il loro ingresso nell'Unione europea nel 2004: Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Malta. Resta fuori solo Cipro la cui entrata in vigore è ancora da definire viste le sue difficoltà territoriali.

Questa ennesima grande impresa compiuta dall'Ue ha fatto sì che frontiere un tempo invalicabili e insormontabili (definite da Winston Churchill la "cortina di ferro sull'Europa" alla fine della Seconda guerra mondiale), oggi siano scomparse. Particolari suggestioni ed emozioni si sono vissute alle frontiere più critiche della guerra fredda come quelle fra la Germania, la Repubblica Ceca e la Polonia. Guardando ai confini di casa nostra, il riferimento inevitabile va alla scomparsa del confine italo-sloveno che ha reso di nuovo "unita" Gorizia e Nova Gorica.

Tra il 2008 e il 2009 hanno aderito anche Svizzera e Liechtenstein. In attesa ci sono Romania e Bulgaria (entrata in vigore prevista entro il 2012).

Ora è quindi possibile girare liberamente in ben 27 paesi del continente europeo: da Tallinn (capitale dell'Estonia e porto che si affaccia sul mar Baltico) fino a Lisbona (capitale del Portogallo e punta occidentale dell'Europa che si affaccia sull'oceano Atlantico).

Finalmente un sogno che diventa realtà e un ulteriore passo in avanti verso un futuro di pace e stabilità sul nostro "vecchio" continente.

(Ultima modifica: 11 ottobre 2011)

18 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Si può viaggiare per raggiungersi ma si riuscirà davvero a restare per comprendersi?

Davvero riusciremo ad unirci di più oppure semplicemente questa facilità di spostamento servirò solo come occasione per visitare ma poi tornare da noi senza aver compreso lo spirito di popoli diversi dal nostro? E ancora, riusciremo a non sentirci minacciati da coloro i quali verranno qui per tentare di restarci....?

La notizia che hai postato denota oggettivamente un importante passo in avanti: la mia domanda è se riusciremo tutti noi a comprenderne l'importanza e la direzione verso cui tendere con questo passo....

Buon Natale
Daniele

tommi ha detto...

grazie per il commento daniele, è vero quello che dici. ma io voglio credere che come me, te, ci siano molte persone a capire l'importanza di questo gesto tanto concreto quanto astratto.
in ogni caso quello che fai notare denota un'evoluzione della situazione: se prima si cercava di evitare guerre, oggi ci si pone problemi più evoluti, che implicano un qualcosa di scontato che tanto scontato non è se si pensa ad altre situazioni sparse per il mondo. io ci credo, l'importante è (anche) questo.

Simona ha detto...

L'Europa che diventa più Europa. Bello, ma anch'io ho le perplessità di Daniele.
Ciao Tommi e buon Natale!

Giovanna Alborino ha detto...

speriamo che ci capiremo...

mario ha detto...

Si la cosa è bella è un gran passo in avanti.....
l'europa si allarga est verso quei paesi ancora in fase di sviluppo facilmente sfruttabili e ricattabili.....

Franca ha detto...

Speriamo che sia una cosa in cui crediamo veramente e non ci tocchi invece assistere fra qualche mese ad altre "cacce" allo straniero come avvenuto con i rumeni.

mario ha detto...

dico solo che i paesi dell est sono ricattabili politicamente e sfruttabili economicamente....tutto qui
non penso di essere prevenuto
da cosa dovrei essere prevunoto poi

Andrew ha detto...

Un Europa che diventa ancora più Europa, speriamo che gli Stati si consolidino tra loro senza sopraelevarsi o sfidarsi in campo economico e sociale...

www.diegogarciablog.blogspot.com

Baltic Man ha detto...

Un passo fondamentale se si vuole far l'Europa per davvero.

Non ho mai trovato il senso di quelle 3 frontiere in 800 km in un autubus che va da Tallin a Cracovia...

ettore ha detto...

naturalmente sono contento,ma questo non vuol dire anche aumentare l'egemonia americana su altri paesi???

ciao tommi buone feste

BC. Bruno Carioli ha detto...

E' una giornata storica, poco comunicata dai media. Le sbarre sollevate, quelle tagliate, la gente che passava da una parte all'altra senza controlli burocratici.
Non più confini, non più frontiere..una grande utopia, una piccola realtà

Andrew ha detto...

Come al solito i media non trattano notizie cosi importanti...

www.diegogarciablog.blogspot.com

Nicola Andrucci ha detto...

auguri di Natale a tutti, in anticipo!
ciao Nicola

tommi ha detto...

Grazie a tutti, ragazzi! Chissà se un giorno riusciremo a spostare l'agenda della politica e degli interessi dei potenti sulle cose che veramente contano. Per noi, per il nostro Pianeta.
Nel frattempo vi auguro a tutti un buonissimo Natale ed un felicissimo anno nuovo, sperando che sia diverso, magari anche grazie a noi.
Tommi.

rodocrosite ha detto...

Questa notizia è un bellissimo regalo di Natale, ora sta a noi fabbricare l'Europa.
Auguri allora!

andrea ha detto...

questo è un grande passo, certo, ma ancora troppo piccolo!
icordiamoci che se ti fai una canna in Italia vai in galera mentre in olanda te la danno al bar, Irlanda e Italia sono i paesi con le norme più rigorose contro il fumo mentre in Germania e Grecia è ancora permessa la pubblicità delle sigarette, infine, in Danimarca il limite max sulle autostrade è di 120, in Germania in certi casi non sono previsti limiti....abbiamo ancora tanta strada da fare purtroppo!

suburbia ha detto...

Buone nuove insomma.
OT Tanti auguri di buone feste, ciao

mario ha detto...

tanti auguri dal divano