lunedì 14 aprile 2008

Addio Italia

Jeff Israely del "Time" scriveva così pochi giorni prima delle elezioni:

"Da dove cominciare? Cosa scrivere? Dobbiamo parlare delle elezioni italiane, no? Anche se sono passati solo due anni dal voto, è cambiato poco. Berlusconi è sempre lo stesso. Veltroni si vanta di 'andare da solo', ma è pronto ad andare con Berlusconi in persona. Potremmo parlare di un sistema politico sull'orlo del collasso. Di un Paese vecchio, bloccato. Ma anche queste cose sono già state scritte: siamo stanchi e i cliché sono ovunque: sole, mare, un bel Paese in rovina, Machiavelli e Michelangelo. Meglio resistere e cercare una via d'uscita. O almeno un inizio. Prima dobbiamo guardare in faccia i problemi. Andare sul campo. Parlare con la gente. Allora puntiamo verso Sud. Un terzo dell'Italia vive nel sottosviluppo, il Paese è diviso in due. Non è vero, il Paese è uno solo! Quello che pensavamo e che non riuscivamo bene ad articolare, me l'ha spiegato una volta un bravo economista italiano: 'Il Sud è l'Italia' mi ha detto 'è il Nord l'anomalia. Risanare il Sud vuol dire risanare l'Italia'. Allora è facile: un Paese, una soluzione. Prendere due piccioni con una fava. Ecco un buon cliché. Ora ci vuole solamente una buona politica. Allora cosa scrivere? Da dove cominciare?"

Gli italiani hanno scelto l'opposto, hanno scelto di sfasciare l'Italia, di pensare che il problema del Sud Italia fosse un problema locale, da eliminare sganciandolo dalla locomotiva-Italia. Hanno pensato che il problema dei rifiuti fosse locale, quando la realtà racconta di imprenditori del Nord che hanno avvelenato le terre del Mezzogiorno.

In ogni caso non esiste una colpa sola. Anche la "sinistra" ha fatto schifo e deve vergognarsi. Da oggi in poi il partito più a sinistra d'Italia sarà il PD, la sinistra è sparita dallo schieramento politico. Veltroni ha scelto di sganciare (anche lui) il suo problema, chiudendo le porte ad una alleanza con la sinistra, non capendolo fino in fondo e, non solo ha provocato la fine della sinistra italiana che (tra quelli che hanno votato, perchè i colpevoli sono anche gli astensionisti e quelli che hanno sputato veleno in questi due anni, Grillo in primis) ha perso elettori che non volevano disperdere il loro voto, ma non è stato in grado di prendersi nemmeno uno 0,1 per cento di elettori del centro, verso il quale aveva apertamente scelto di spostarsi. In compenso, la sinistra "pura" non è stata in grado di mettere in piedi un partito che potesse superare la soglia.

Il bene comune, arcobaleni, critici e lavoratori. Sapete dove potete mettervi i vostri ideali? Da oggi, tutto ciò che non è PD, è destra; e non una qualunque, europea, ma quella prettamente italiana, fascista e xenofoba. La Lega Nord (sulla scia del disastro Napoli) ha raddoppiato i suoi voti. L'Italia da oggi in poi sarà in mano ai ricatti di un pazzo, malato e razzista.

Jean-Paul Sartre disse: "ogni popolo ha il governo che si merita". Bene italiani, avete scelto, avete votato. Ora vi auguro il peggio da questo governo. Ve lo meritate fino in fondo, fino all'ultimo granello di merda.

19 commenti:

eLi ha detto...

andiamocene. non vedo molte altre soluzioni, e dopo oggi, quello che era un sogno -per me- diventa un progetto e un obiettivo.
Londra, aspettami.

rudyguevara ha detto...

concordo con te.anche se la merda ce la mangeremo anche noi che nn l'abbiamo voluta.ma la rabbia mi fa dire:italiani,gente di merda.scusatemi,nn è rivolto certo a te,tommy, e nemmeno a te ely,cosi' come a chi nn l'ha voluto,ma a chi se l'è scelto,lo dico con tutto il cuore.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Romina, capisco la tua rabbia ma anch'io vorrei evidenziare che se non decidiamo di andare via dal Paese forse è meglio sperare che la buona sorte o, se vuoi chiamarlo così, lo stellone italico ci permettano di limitare i danni.

Andrew ha detto...

Ciao Tommi

La sinistra è morta, non c'è più. Le colpe se le deve assumere Veltroni che per protagonismo ha voluto andare da solo, non alleandosi con Bertinotti.
Sono un elettore di sinistra deluso. Stasera ero quasi in lacrime.

Anonimo ha detto...

No ragazzi, non andiamocene. Davvero credevate che il Pd nato pochi mesi fa poteva governare il Paese? certo nessuno si aspettava una sconfitta così netta e ricordo che il 33% non equivale a +2% rispetto alle ultime elezioni (ds+margherita=31%) perchè nessuno conta l'ingresso dei radicali. il che significa = NESSUN AUMENTO!!
ripartiamo da qui, dalla polvere. io sono fiducioso che il lavoro che ci aspetta da minoranza nel paese sarà duro e faticoso ma se sapremo cogliere il senso di sfiducia del popolo potremo riprenderci tutto.

Roberto ha detto...

andrew,ma le colpe di bertinotti non le noti?combattendo strenuamente il governo prodi pur essendone autorevole rappresentante,portando avanti quella politica dei veti che ha allontanato molti suoi elettori dalle urne.visto che come dice l'anonimo qui sopra il PD non ha avuto alcun aumento ne dal centro ne da sinistra,non credi che le colpe del 3% siano tutte ascrivibili a bertinotti e soci?

Donna Cannone ha detto...

Vedo un po' ovunque lo sconforto e la voglia di andarsene,da questo paese di buzzurri, che evidentemente non ci rappresenta. e meno male che ancora qualcuno si salva dalla dabbenaggine. tuttavia, ci tocca restare, e avanzare a testa alta.
Semmai, sgamare a piè sospinto i mammalucchi, smutandarli, e inchiodarli alle loro colpe.

Alzata con pugno ha detto...

no, non possiamo andarcene, c'è la sinistra italiana da ricostruire da zero...

Gaia ha detto...

E io che 'ste meXde non le ho votate? La prendo in cuXo 2 volte...

il Russo ha detto...

Anonimo non fa che confermare la mia teoria, il pd con la sinistra non c'entra una fava.
Dici che il nord sceglie di mandare a ramengo il sud? Possibile. Ma la domanda nasce a spontanea: a sud dove hanno votato in massa silviuzzu u curtu, dove hanno scelto d'andare?

suburbia ha detto...

Ma manca il mio commento fatto ieri!??! Che comunque era : Sartre io non lo meritavo ti assicuro.
Condivido la delusione e lo schifo, ciao

Saretta ha detto...

beh... dai chi non se lo aspettava? tutti sapevamo già come sarebbe andata a finire.... io non voglio mangiare niente, sono voglio scappare (anche se la tentazione è forte) voglio resistere, agire.... povera piccola direte, piccola e ingenua... si lo so... però, che dire... ci credo ancora...
un saluto

tommi ha detto...

a suburbia, unica spiegazione alla mancata pubblicazione del tuo commento: problemi tecnici.
mi scuso per l'inconveniente anche se non ne sono responsabile.

Donna Cannone ha detto...

Hola. Si può cavalcare lo sfascio, arrivare a fare tabula rasa e finalmente ricominciare, no?
Perlomeno proviamoci.
Intanto, resistere e smutandare a oltranza.

Mi permetto di ricollegarmi con
http://blog2piazze.blogspot.com/2008/04/e-sfascio-sia.html

Salutoni

Franca ha detto...

"la sinistra "pura" non è stata in grado di mettere in piedi un partito che potesse superare la soglia".
La sinistra, pura o meno che sia, non ha superato la soglia anche, ma non solo, perchè ha tentato d'imporre dall'alto un'alchimia fatta di nulla...
Speriamo che almeno meditino sugli errori...

Anonimo ha detto...

"L'Italia da oggi in poi sarà in mano ai ricatti di un pazzo, malato e razzista."

purtroppo è la pura verità!!!!!

stellavale ha detto...

Resistere, resistere resistere.
Assolutamente!

Anonimo ha detto...

A nessuno viene in mente che anche a sinistra nessuno abbia MAI fatto niente per evitare il ritorno di Berlusconi? Bastava una semplice legge contro il conflitto d'interessi...ma evidentemente non importa a nessuno. Fanno schifo tutti, destra e sinistra.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Io però non merito la merda che merita la maggior parte degli italiani.
Un saluto.