martedì 7 ottobre 2008

Un ambulatorio pediatrico in Darfur, la nostra idea di pace


Il 3 ottobre, Emergency ha dato avvio alla campagna «La nostra idea di pace» per la costruzione di un Centro pediatrico a Nyala, capitale del Sud Darfur.
Dal 3 al 22 ottobre, gli utenti Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia potranno inviare un SMS al numero 48587 del valore di 1 euro oppure effettuare allo stesso numero una chiamata da rete fissa Telecom Italia del valore di 2 euro. L’intero ricavato sarà devoluto a Emergency.
L’attività di raccolta fondi sarà pubblicizzata con una campagna che comparirà negli spazi ceduti
gratuitamente dalle maggiori concessionarie pubblicitarie. Parallelamente Emergency intraprenderà una campagna informativa sugli obiettivi del Centro pediatrico in alcuni dei principali media italiani.
Il progetto Nyala è abitata da oltre un milione e mezzo di persone, in larga parte profughi in fuga dalla guerra accampati nei 7 campi sorti nei sobborghi della città.
Il Centro pediatrico di Emergency offrirà assistenza sanitaria qualificata e gratuita 24 ore su 24 ai bambini fino ai 14 anni di età per patologie quali malnutrizione, infezioni alle vie respiratorie, malaria, infezioni gastrointestinali ed effettuerà programmi di immunizzazione e attività di educazione igienicosanitaria.
Presso il Centro sarà attivo un ambulatorio per lo screening dei pazienti cardiopatici da trasferire al Centro Salam di Emergency di Khartoum per l’intervento di cardiochirurgia e per il successivo follow-up.
La struttura di Nyala farà parte, infatti, del Programma regionale di pediatria e cardiochirurgia che nel Centro Salam ha il suo fulcro. Il Centro pediatrico sorgerà su un terreno messo a disposizione dal Governatorato del Sud Darfur in collaborazione con il Ministero della Sanità locale. Il progetto è avallato dal Ministero federale della Sanità.
I costi di costruzione, di equipaggiamento e di avvio della struttura sono stimati in circa 600 mila euro. Con questo progetto Emergency assicura assistenza sanitaria qualificata e gratuita alla popolazione di un’area vastissima, dando attuazione a un diritto umano fondamentale: il diritto alla salute.
Si ringraziano Tim, Vodafone, Wind, 3 Italia e Telecon Italia per la concessione del numero unico.

Dal comunicato stampa di Emergency
per ulteriori info: www.emergency.it; Simonetta@emergency.it

14 commenti:

pabi71 ha detto...

Grande iniziativa, mi sono dato un pò alla macchia ultimamente, settimane dure, come sempre quando ripasso trovo sempre ottime notizie.
un saluto e buona settimana.

suburbia ha detto...

Una grande iniziativa davvero in un paese che e' in sempre stato in ombra rispetto alla scena internazionale e martoriato come pochi.
Bravissimo, spero di riprendere (nel caso linkero')
ciao ciao

Crocco1830 ha detto...

Questo è un modo per contribuire realmente alla pace ... anzichè "esportarla"

tommi ha detto...

A suburbia: non sentirti obbligata per il link. non c'è niente di mio in questa bellissima notizia.

il Russo ha detto...

Dissento, il riportarla fa sì che tu contribuisca al far conoscere questa bella iniziativa, ogni volta che qualcuno viene a conoscenza di qualcosa grazie al "lavoro" di un blogger anche lui è meritevole di riconoscimento.
Benissimo hai fatto a riportarla ed aiutare a diffonderla!

riccardo gavioso ha detto...

davvero un'ottima iniziativa, destinata a portare un po' di speranza e gettare un po' di luce su quella terra dimenticata.

tommi ha detto...

Ti ringrazio, Russo.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Bella iniziativa davvero.
Un saluto

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Mandare un sms.... ne mandiamo tanti per cose meno importanti penso che saremo tantissimi a farlo.

Ciao
Daniele

Franca ha detto...

Aderisco e rilancio da me.
Come socia di Emergency non mi potrei sottrarre...

Ale ha detto...

grandissima iniziativa...aderito..
grazie tommi

Stefano ha detto...

Aspetto con ansia di sentire da parte di Emergency parole di condanna della politica criminale cinese nella regione.
Io preferisco i Medici Senza Frontiere che lavorano senza fare politica come Gino Strada ed anche per questo sono molto meno pubblicizzati.

tommi ha detto...

Punti di vista.
Io li stimo entrambi. Riguardo alla popolarità credo che fuori dalle nostre frontiere la situazione si ritrova invertita.
Punti di vista.

salpetti ha detto...

Questa sì che è una bella iniziativa... Un esempio da seguire per quelli che si riempiono la bocca di parole quali pace, libertà e democrazia, ma che poi nel concreto buttano bombe, massacrano e distruggono!!!

Un caro saluto!!!
salpetti