domenica 1 marzo 2009

Myanmar Undercover/4-5

In questi ultimi due pod, invece, Laura Ling ha tentato di affrontare il ruolo del buddhismo e delle condizioni di vita della gente.
Le parole di Laura, che sentirete verso la fine della quarta parte, in riferimento ai pericoli che potrebbe correre la popolazione che vive sulle rive del fiume, suscitano timore perché prevedono esattamente ciò che poi realmente avvenne nel maggio del 2008 a causa del ciclone Nargis:
la stagione delle piogge è molto lunga in questo Paese, il fiume si alza molto e devono ritirarsi da qualche altra parte. Nel caso di un disastro o di un ciclone, in assenza di infrastrutture reali e senza il tempo di rifugiarsi altrove, decine di migliaia di persone potrebbero morire.


Parte 4.



Parte 5.

3 commenti:

Ale ha detto...

a volte non lo so neanche io perchè sono così triste..
buona settimana

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Li leggo con attenzione domani e sempre domani te li linko sul blog comunitario.

Grande post, era ora che si tornasse a parlare del Myanmar

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Davvero un grande reportage. Non ho ancora avuto tempo di mettere questi post linkati sul blog unitario ma lo farò prima possibile.

Ciao
Daniele