martedì 30 giugno 2009

Sull'Iraq

Oggi in Iraq è un giorno di festa. Le truppe americane, composte da ben 131.000 militari, hanno iniziato ufficialmente a ritirarsi dopo più di 6 anni di combattimenti e occupazione (le ostilità cominciarono il 20 marzo 2003 sotto il primo mandato di George W. Bush).
Secondo quanto annunciato recentemente dal Presidente Barack H. Obama, infatti, la missione militare USA si dovrebbe concludere entro l'agosto 2010. Nel Paese rimarranno solo tra i 30 e i 50 mila militari statunitensi col compito di formare le forze irachene e le squadre per la ricostruzione. Entro il 31 dicembre 2011, invece, è previsto il ritiro di tutti gli effettivi.
Nonostante molti iracheni siano scesi in piazza per festeggiare il tanto atteso ritorno della sovranità nazionale, però, altri sembrano provare un sentimento di incertezza misto a paura per il fondato timore che i ribelli possano approfittare dei ritiro dei marines per aumentare i loro attacchi e mettere in crisi le già deboli forze di sicurezza locali.

Sempre oggi si è aperta la gara d'appalto, indetta dal governo guidato dal Primo Ministro Al Maliki, tra le compagnie petrolifere appartenenti a ben 31 Paesi (di cui 6 americane e 2 italiane - Edison ed Eni) per la gestione di giacimenti petroliferi e di gas. In ogni caso, il Presidente americano ha più volte ribadito che gli USA non hanno intenzione di costruire basi permanenti su territorio iracheno e non vogliono avanzare pretese sulle sue risorse. C'è da sperare, quindi, che questa gara d'appalto, che comunque consegnerà in mano a stranieri la gestione della maggior fonte di ricchezza del Paese, sia quantomeno onesta e leale e dia spazio anche alle imprese di quei Paesi che non hanno partecipato alla guerra.

Vi lascio ora con le parole pronunciate dal Presidente degli Stati Uniti d'America il 4 giugno 2009 presso l'Università del Cairo (Egitto) a proposito dell'Iraq. Nel suo primo messaggio ufficiale indirizzato al mondo musulmano, e già passato alla Storia, Obama ha manifestato la precisa volontà di ridefinire i rapporti americani con le popolazioni islamiche di tutto il Mondo, tramite un nuovo e più maturo inizio.
Buon ascolto.

sabato 27 giugno 2009

Earth's.

"...express the passion towards the Earth from all of its perspectives"
recita il sottititolo di questo blog.


Se l'Earth Day risale all'aprile 1970, l'Earth Song è del dicembre 1995.
Se il 25 giugno 2009 è morto Michael Jackson, il 26 giugno la House of Representatives americana ha approvato una storica legge riguardante le energie pulite ed i cambiamenti climatici.
Prospettive.

Thanks Ålb®.

venerdì 26 giugno 2009

Web Trend Map 4.


Con Internazionale di questa settimana (n. 801) potete trovare la mappa che mostra i siti internet più importanti del web secondo lo schema della metropolitana di Tokyo.
Ogni sito viene rappresentato in base a traffico/affari/fondazione/proprietà/tipologia.
Le linee/fermate della metro sono state associate ai siti secondo schemi ben precisi: ad esempio Twitter è a Shibuya, la stazione più di moda in questo momento, Google e derivati sono attorno alla stazione di Shinjuku ossia quella più trafficata del Mondo.

Quelli di Information Architects hanno scelto Tokyo per piacere, io pubblico questa notizia perché la trovo geniale e rende giustizia all'informazione che nasce tra blog e social network (ogni riferimento a Twitter e alle elezioni in Iran è semplicemente voluta).

martedì 23 giugno 2009

Hai un blog? Accreditati e segui Internazionale a Ferrara 2009!

Ciao a tutti, riprendo a scrivere fra queste pagine per segnalarvi un'iniziativa che non posso non condividere con Voi; oggi, aprendo la posta elettronica del blog, ho ricevuto una bella sorpresa/proposta: direttamente dalla redazione di Internazionale sono stato invitato, vista la personalissima "cronaca" dell'edizione 2008, a partecipare in qualità di blogger alla terza edizione del Festival che si terrà ad ottobre a Ferrara! Infatti, quest'anno Internazionale ha deciso di riservare le stesse condizioni dei giornalisti ai primi venti blogger che faranno richiesta di accredito per Internazionale a Ferrara 2009, ossia:

- pass per saltare la fila;
- sala dedicata ai blogger;
- internet wi-fi gratis;
- interviste agli ospiti, da concordare con l'ufficio stampa.

Ci volete provare anche voi? Allora cliccate qui.

A molto presto per nuovi e appassionanti post internazionali!
Stay tuned...