lunedì 13 luglio 2009

I Grandi Numeri dell'Aquila.

Il G8 dell'Aquila ha dato i (suoi) numeri.

Stati Uniti d'America, Gran Bretagna ed i Paesi dell'area Euro hanno investito in aiuti contro la crisi economico/finanziaria 14 mila e 800 miliardi di dollari.

La Banca Mondiale aveva chiesto mesi fa ai Paesi industrializzati di destinare lo 0,70% (pari a 103 miliardi e 600 milioni di dollari) delle risorse stanziate dai provvedimenti nazionali anticrisi per interventi a sostegno di infrastrutture e welfare di base nei 43 Paesi in via di sviluppo più esposti alla crisi.

Al G8 dell'Aquila sono stati stanziati 20 miliardi di dollari - pari allo 0,13% - in tre anni: 5 volte meno di quelli richiesti dalla Banca Mondiale. Cioé ogni 1000 dollari andati ai ricchi ne andranno 13 ai poveri. 20 miliardi di dollari corrisponde ad un trentunesimo della cifra persa dalle sole borse europee nella giornata nera del 21 gennaio 2009. 20 miliardi significa, in rapporto ai 920 milioni di uomoni e donne che popolano il Continente africano, 5 dollari e 18 centesimi a testa all'anno, 43 centesimi di dollaro al mese.

Come segnalato da Paolo de Rienzo dell'Università di Oxford: "Quei 20 miliardi, di cui solo una parte dovuti a nuove iniziative, sono in realtà una semplice pezza per i problemi, aggravati, che tanti Paesi devono affrontare a causa di una crisi globale di cui non sono affatto responsabili".

Un G8 che ha messo d'accordo tutti i presenti. Nessuna obiezione dagli assenti.
A voi ulteriori commenti.

Fonte e dati: Gli aiuti (avari) dei ricchi all'Africa di Gian Antonio Stella, Corriere della Sera, lunedì 13 luglio 2009.

7 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Che dire... ma non era stato un successo questo G8?

Le solite palle del Cav. E poi ripeto ho trovato nauseante quella parata di fronte a gente che ha perso tutto.

Matteo ha detto...

Questo sarebbe il grande successo del G8.
Tanto più ridicolo (ma tragico per il mondo intero) se si considera che gli impegni non vengono mantenuti e che Berlusconi è stato sconfessato dalla sua stessa maggioranza sul clima come ho sostenuto nel mio ultimo post.

Alessio in Asia ha detto...

Abolire completamente il G8, che è di fatto inutile. Non si può prendere nessuna decisione senza potenze del calibro di Cina, India e via dicendo.
Che sia G20, o almeno G14.

suburbia ha detto...

Certo un successone!
E pensare che se uno guarda la tv viene fuori che e' stato un evento eccezionalmente riuscito salvo poi parlare di cucina, vestiti, arredamenti, sport... insomma G8ossip.
Quando fa comodo va bene, ma non e' una regola generale.
Ciao

Andrew ha detto...

è questo sarebbe il successo del g8?
concordo con suburbia

Tinto91 ha detto...

il G8 è solo una carnevalata....

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Tommi ho bisogno di te se puoi passare da me c'é bisogno del tuo apporto

A presto
Daniele