martedì 6 aprile 2010

Omicidi collaterali a Baghdad. Agghiacciante.



Il 12 luglio 2007 due elicotteri statunitensi Apache hanno sparato contro un gruppo di persone alla periferia di Baghdad, uccidendone almeno dieci. Tra le vittime, un fotografo e un autista della Reuters e due bambini gravemente feriti.

WikiLeaks ha pubblicato un video, ripreso da uno degli elicotteri, in cui è chiaro che l’attacco è stato ingiustificato. Nelle immagini si vede che dopo aver sparato sul fotogafo, Namir Noor-Eldeen, sul suo autista, Saeed Chmagh, e su un gruppo di persone che erano vicino a loro, gli elicotteri statunitensi sparano anche sui soccorsi che cercano di portare via i feriti.

La Reuters aveva più volte cercato di ottenere il video, ma l’esercito americano lo aveva sempre negato, sostenendo che si era trattato di una regolare azione di combattimento e che le vittime erano dei ribelli iracheni. Tutto nel rispetto delle regole d’ingaggio.

Notizia tratta da Internazionale.it

3 commenti:

Alessio ha detto...

Ho fatto un giro sui principali quotidiani italiani nella loro veste online e tutti ripetono che e' stato solo un piccolo "errore", e comunque i soldati nordamericani sono innocenti perche' hanno operato "secondo le regole d'ingaggio". Rendiamo grazie a Obama e Bush. Amen.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Ma bene! Mi chiedo perché si dannino tanto l'anima per fare regole come la Convenzione di Ginevra se poi intanto in quell'inferno ognuno fa come gli pare..... Che schifo davvero.

Ale ha detto...

l'avevo già visto quel video, davvero agghiacciante..