domenica 17 ottobre 2010

Congo, 15mila stupri in un anno

Più di 15.000 stupri sarebbero stati perpetuati nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc) nel 2009. In particolare nella provincia del Nord Kivu. Questo è quanto emerso dal rapporto presentato il 15 ottobre dal rappresentante speciale delle Nazioni Unite, Roger Meece, presso il Consiglio di Sicurezza. Meece ha dichiarato che “l'estensione del problema è enorme. Anche le operazioni di breve durata che hanno raggiunto risultati positivi, da sole non sono sufficienti a garantire la sicurezza a lungo termine”. Le missioni attive nella Rdc, dunque, non sono in grado di proteggere tutti i civili. Il rapporto è stato commissionato in seguito alla denuncia di Margot Wallstrom, rappresentate speciale del segretario generale dell'Onu in materia di crimini sessuali in zone di conflitto.

Nessun commento: