sabato 29 gennaio 2011

Rwanda, 1994. Oltre lo stereotipo del conflitto etnico.

Anche quest'anno, il terzo dopo Srebrenica e Armenia, in occasione della Giornata della Memoria, la prima commemorazione universale in ricordo delle vittime dell’Olocausto che si celebra ogni 27 gennaio (giorno in cui, nel 1945, le truppe sovietiche entrarono ad Auschwitz), l'Associazione DinamoCulturale, di cui faccio parte, ha deciso di ricordare le vittime di un genocidio controverso e poco conosciuto dall'opinione pubblica italiana e internazionale: quello del Ruanda, uno degli episodi più sanguinosi della storia del Ventesimo secolo che causò tra 800 mila e 1.071.000 di vittime.

Lo scopo di questo lavoro di approfondimento è restituire alla complessità storica gli eventi trattati, farli conoscere al pubblico del territorio, mettere in luce punti di vista nascosti.

Questo il programma dell'evento dal titolo Rwanda, 1994. Oltre lo stereotipo del conflitto etnico (a ingresso libero) che si terrà domenica 30 gennaio 2011 a partire dalle ore 14.30 presso l'ex Scuola elementare di Capiate, in via Ca' Romano, Olginate (LC):

Ore 14.30 tavola rotonda: "Rwanda, 1994. Oltre lo stereotipo del conflitto etnico" a cui prenderanno parte

Raffaele Masto, giornalista della redazione esteri di Radio Popolare;
Daniele Scaglione, responsabile della campagna Action Aid Italia e autore del libro "Rwanda. Istruzioni per un genocidio";
Luciano Scalettari, giornalista, autore del libro testimonianza "Rwanda: La lista del console";
Augustin Mujyarugamba, cittadino ruandese, presidente dell'Aipea (Associazione di liberi professionisti e imprenditori immigrati).

A seguire proiezione del documentario: "Rwanda. La lista del console" di Alessandro Rocca e Luciano Scalettari (2010, 52')

Ore 19.00 inaugurazione mostra "Rwanda. Memoria di un genocidio" di Livio Senigalliesi.

Ore 21.00 proiezione del film "Munyurangabo" di Lee Isac Chung (2007, 97').

Aderisci all'evento su Facebook.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bell'articolo Articoli Etnici