sabato 17 settembre 2011

Il Venezuela anticipa le presidenziali 2012

Hugo Chávez, El País

Le elezioni presidenziali in Venezuela si terranno due mesi prima del previsto. Il Consiglio elettorale nazionale ha deciso di fissare le votazioni, inizialmente previste per la prima settimana di dicembre, il 7 ottobre 2012. In ogni caso il candidato vincitore non si insedierà prima del 2 febbraio 2013. Dal 1958, anno dell'instaurazione della democrazia in Venezuela, è la prima volta che le elezioni per scegliere il nuovo presidente della Repubblica non si svolgono a dicembre.

Il presidente in carica Hugo Chávez ha fatto sapere in un'intervista telefonica alla tv di stato che non è preoccupato, anzi si è detto sicuro che verrà rieletto per la terza volta consecutiva. Questo nonostante Chávez stia combattendo da ormai diversi mesi contro una forma di tumore che gli è stata diagnosticata dai medici de L'Avana (Cuba). A tal proposito, il Consiglio elettorale ha voluto precisare che le ragioni che lo hanno spinto ad anticipare le elezioni non hanno nulla a che fare con i problemi di salute del presidente, bensì con l'accavallamento a fine 2012 di tre tornate elettorali: presidenziali, amministrative e parlamentari. Per questo il Consiglio ha deciso di anticipare le prime a ottobre, mantenere le regionali a dicembre e posticipare quelle parlamentari al primo trimestre del 2013.

Ovviamente questa decisione mette Chávez in una posizione di vantaggio rispetto all'opposizione, la quale aveva già fissato le primarie per la scelta di un unico candidato al 12 febbraio 2012. Una scelta che ora lascerà all'alleanza Mesa de la unidad democrática (Mud) solo sette mesi per fare campagna elettorale. Henry Ramos Allup, segretario del partito Acción democrática, ha però dichiarato che sette mesi "sono un lasso di tempo più che sufficiente" e che non teme ritorsioni da parte del governo di Chávez nel caso di vittoria da parte del Mud.

C'è da capire se il governo e le istituzioni venezuelane godono della stessa fiducia anche agli occhi della comunità internazionale.

Nessun commento: