venerdì 7 settembre 2012

Il Canada blocca le relazioni diplomatiche con l'Iran


Il Canada ha espulso gli ultimi diplomatici iraniani ancora presenti nel paese e chiuso l'ambasciata a Teheran. Il ministro degli esteri di Ottawa, John Baird, ha dichiarato che ambasciatori e consoli hanno cinque giorni di tempo [a partire da venerdì 7 settembre] per lasciare il territorio canadese. La causa? La minaccia rappresentata dall'Iran per la pace e la sicurezza internazionale.

“Le relazioni diplomatiche tra il Canada e l'Iran sono sospese”, ha dichiarato Baird elencando tra le motivazioni che hanno portato a questo gesto alquanto estremo, il programma nucleare, l'ostilità nei confronti di Israele e l'appoggio fornito dal presidente Mahmud Ahmadinejad alle forze militare siriane di Bashar al-Assad, impegnate in una vera e propria guerra civile contro i ribelli. Secondo Baird il Canada non aveva alternative anche visto il "disprezzo" dimostrato in passato da Teheran nei confronti della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche.

Oltre al Canada, anche Stati Uniti e Gran Bretagna non hanno un'ambasciata operativa a Teheran. Gli Usa in seguito alla crisi degli ostaggi del 1979-81 quando 52 cittadini americani vennero sequestrati per 444 giorni; quella britannica è stata chiusa il novembre scorso dopo l'assalto subito dagli studenti in seguito alle sanzioni adottate da Londra per dissuadere l'Iran dal proseguire nel programma nucleare.

Nessun commento: