lunedì 29 aprile 2013

I regali ricevuti da Barack Obama nel 2011


Come quando si va a casa di un amico, così quando un capo di stato o di governo visita un altro paese è usanza portare con sé un regalo da consegnare al proprio omologo. Fa parte del cerimoniale diplomatico. L’unica differenza per quanto riguarda i doni ricevuti dal presidente degli Stati Uniti d’America è che questi vengono registrati, etichettati e conservati negli archivi ufficiali della Casa Bianca.

sabato 27 aprile 2013

La spesa militare italiana e del resto del mondo

La spesa militare a livello globale nel 2012 è calata dello 0,5 per cento rispetto all’anno precedente fermandosi a quota 1.750 miliardi di dollari. È la prima volta che succede dal 1998 secondo i dati resi noti dallo Stockholm international peace research institute (Sipri), un istituto internazionale indipendente che si occupa di peace studies e che ha analizza la spesa militare di 171 paesi dal 1988.

venerdì 26 aprile 2013

Il colpo di stato nella Repubblica Centrafricana e il bracconaggio

I ribelli Seleka hanno attuato un golpe nella Repubblica Centrafricana

Il gruppo di ribelli denominato Seleka ha portato a termine un colpo di stato nella Repubblica Centrafricana dopo aver compiuto una marcia verso Bangui, capitale del paese. Il presidente in carica François Bozizé ha lasciato il paese il 24 marzo, al suo posto Seleka ha provato a insediare Michel Djotodia, uno dei suoi leader più importanti, ma ad oggi nel paese vige una situazione di anarchia. Bozizé era al potere dal 2003, anch’egli giunto al potere in seguito a una rivolta.

martedì 23 aprile 2013

Ritorno dalla caccia

Premio alla giuria del GDT Nature Photographer of the Year 2013
Decine di fotografie hanno partecipato alla selezione finale del Nature photographer of the year 2013 del Gesellschaft deutscher tierfotografen (Gdt), la società tedesca dei fotografi naturalisti. Nove le categorie in gara.

La foto “Ritorno dalla caccia” (sopra) di Michael Lohmann ha vinto il premio della giuria ed è arrivata seconda nella categoria uccelli. Il vincitore assoluto, nonché vincitore della categoria mammiferi, è stato Hermann Hirsch con una fotografia dal titolo “Idillio della sera” che vede protagonista una volpe.

Per ammirare d’un fiato tutti gli scatti premiati, vi segnalo la board “La natura nelle foto migliori del 2013” di LifeGate su Pinterest.

giovedì 18 aprile 2013

Fumata rosa

Emma Bonino, nata a Bra il 9 marzo 1948, è una politica italiana


Questo è un post dalla durata breve, di una notte, anzi di un sogno. Sì, un sogno in cui il Partito democratico si risveglia dall’incubo della scissione per dimostrare di aver agito in quel modo per una scelta precisa. Quella di non appiattirsi sulla proposta del Movimento 5 stelle e dimostrare di avere una spina dorsale, per avere il tempo di pensare e reagire con uno slancio simile a quello che ha sorpreso tutti nel momento dell’elezione dei presidenti di Camera e Senato.

martedì 2 aprile 2013

Il primo trattato sul commercio internazionale delle armi

L'Assemblea generale ha approvato il primo trattato sul commercio internazionale delle armi


L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato martedì 2 aprile il primo trattato sul commercio internazionale delle armi. Nel 1996 era stato approvato un altro accordo sulle armi, ma atomiche: il trattato di non proliferazione nucleare. La risoluzione è stata approvata con 154 voti favorevoli, i voti contrari di Iran, Siria e Corea del Nord e 23 astensioni, tra cui quella della Russia. Il documento potrà essere sottoposto alle firme degli stati a partire da giugno 2013. La stesura e la discussione sul testo composto da quindici pagine hanno richiesto oltre sette anni di lavori.

I quotidiani tornano nelle edicole della Birmania

Dal primo aprile 2013 i quotidiani privati tornano nelle edicole in Birmania


Dal primo aprile i cittadini della Birmania (anche nota come Myanmar) possono acquistare quotidiani non governativi nelle edicole sparse per il paese, a partire dalla ex capitale Yangon (anche Rangoon). Non succedeva da quasi 50 anni, da quando nel 1964 la giunta militare, allora al governo, decise di nazionalizzare tutte le testate quotidiane lasciando a disposizione dei lettori solo giornali di Stato. Un estratte dell'articolo che ho scritto per LifeGate.

Il governo civile – che però vede alla guida ex militari che hanno rassegnato le dimissioni per poter partecipare alle elezioni del 2011 – ha concesso la licenza a sedici delle venticinque testate che hanno presentato la domanda per poter riattivare le rotative, ma solo quattro sono riuscite a essere in edicola in tempo per l’entrata in vigore della nuova disposizione: The Voice, Golden Fresh Land, The Standard Time e il filogovernativo Union Daily. Entro fine aprile dovrebbe essere pronta anche la prima uscita del quotidiano D-Wave che fa capo alla Lega nazionale per la democrazia, il partito guidato da Aung San Suu Kyi. Le reazioni degli editori, però, non sono state solo positive: “Il permesso per il mio giornale – ha spiegato a Euronews Khin Maung Lay, editore di 81 anni – termina il 30 giugno. Dopo dovrò chiedere un prolungamento. E se devo fare una cosa simile significa che non c‘è libertà di stampa”.
(continua a leggere su LifeGate