sabato 28 dicembre 2013

9 cose positive successe nel 2013

L’ultima settimana dell’anno è dedicata ai bilanci. Lo scorso anno avevo pubblicato la lista dei desideri del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Speranze che avrebbero reso il 2013 un buon anno. La lista comprendeva “la fine della crisi economica, la ripartenza dei negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, una soluzione diplomatica agli scontri che stanno interessando diversi paesi del continente africano” e la necessità di trovare un accordo sul cambiamento climatico.

Di questi desideri, pochi possono dirsi realizzati, ma molti sono sulla via giusta. Un editoriale di Peter Coy pubblicato sul doppio numero di fine anno di Bloomberg Businessweek dal titolo 8½ things that went right this year cerca di trovare le buone notizie, le cose che sono andate per il verso giusto quest’anno. Coy ne ha trovate nove anche se l’ultima va presa con le pinze, da qui l’8 e mezzo del titolo (e della copertina). Scopriamole insieme:

lunedì 16 dicembre 2013

Il quarto stato dell’America del Sud guidato da una donna



Michelle Bachelet è stata eletta presidente del Cile vincendo il ballottaggio che si è tenuto domenica 15 dicembre con il 63 per cento delle preferenze. Bachelet ha già governato il Cile dal 2006 al 2010. Il dato che mi interessa di più citare e che può avere una certa rilevanza geopolitica è che si tratta del quarto stato dell’America del Sud ad essere governato da una donna. Gli altri tre sono il Brasile (Dilma Rousseff) l’Argentina (Cristina Kirchner) e la Costa Rica (Laura Chincilla).

lunedì 9 dicembre 2013

Come il cambiamento climatico può portare alla fine del capitalismo (con una rivoluzione)

L'arcipelago di Kiribati


La Terra è fottuta? O siamo ancora in tempo per far partire una rivoluzione che ponga fine al capitalismo senza controllo e blocchi le estreme conseguenze del riscaldamento globale? La prospettiva sul potere rivoluzionario del cambiamento climatico ce la fornisce la giornalista canadese Naomi Klein nell’articolo How science is telling us all to revolt pubblicato su New Statesman il 29 ottobre (tradotto da Internazionale n. 1028 con il titolo Un clima rivoluzionario).

venerdì 6 dicembre 2013

I tweet dei leader mondiali sulla morte di Nelson Mandela



Ho raccolto un po' di tweet di capi di stato e di governo, leader mondiali e altre figure che contano nel mondo delle relazioni internazionali per salutare Nelson Mandela dopo la sua morte avvenuta il 5 dicembre 2013. La lista è in continuo aggiornamento.